Dispositivi di protezione collettivi e individuali

Quando pensiamo agli strumenti a nostra disposizione per la protezione dei lavoratori dal rischio di caduta dall’alto, dobbiamo fare una distinzione tra sistemi di protezione collettivi e sistemi di protezione individuali.

Sistemi di protezione collettivi

Un sistema di protezione collettivo non richiede alcuna interazione umana per funzionare correttamente una volta installato. Non ha meccanismi attivi o parti mobili. 

Ricadono di questa categoria di prodotti, ad esempio, i parapetti anticaduta.

Sistemi di protezione individuali

I sistemi di protezione individuali, sono invece gli elementi che ricadono nella seguente definizione:

Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo

I sistemi di protezione individuale richiedono una formazione dell’operatore ed un’interazione umana per assolvere al proprio scopo.

Alcuni esempi: elmetti, imbracature, punti di ancoraggio, linee vita orizzontali

Quale sistema di protezione dovrei usare? 

Durante il lavoro in quota, l’utilizzo di un sistema di protezione individuale richiede sempre l’iniziativa del lavoratore. Il lavoratore dovrà essere istruito e formato, dovrà indossare un’imbracatura, dotarsi di elementi di collegamento e di connessione e capire, caso per caso, come utilizzare un sistema di ancoraggio anticaduta (linea vita o sistemi di ancoraggi puntuali).

Un sistema di protezione di tipo collettivo protegge l’area sul quale è installato senza la necessità di interventi da parte degli operatori né particolari requisiti di formazione e qualifica degli operatori.

Il testo unico per la sicurezza nei luoghi di lavoro, D.lgs 81/08 indica la priorità di utilizzo dei sistemi di protezione collettivi nei confronti di quelli individuali.

Subordinando la scelta a diversi fattori (estratto dall’articolo 111): natura dei lavori da eseguire, sollecitazioni prevedibili e ad una circolazione priva di rischi. Il datore di lavoro sceglie il tipo più idoneo di sistema di accesso ai posti di lavoro temporanei in quota in rapporto alla frequenza di circolazione, al dislivello e alla durata dell’impiego”

In linea generale bisognerebbe sempre rapportare il sistema di protezione scelto alla situazione di lavoro ed alla tipologia ed entità di lavoro

Ci sono molte situazioni nelle quali i sistemi di protezione collettivi non sono utilizzabili o la loro installazione appare sproporzionata rispetto all’entità del lavoro ed al rischio di caduta. Proprio in questi casi si possono utilizzare sistemi di protezione individuale.

Ti servono informazioni più precise?

Contattaci senza impegno, con una telefonata o un messaggio Whatsapp al numero 375 772 1281 o inviando una mail a [email protected]

Sistemi di protezione anticaduta collettivi e individuali