ancoraggi linea vita temporanea

Ancoraggio per linea vita temporanea

La linea vita temporanea è una soluzione utile per lavorare in sicurezza nei casi in cui non siano disponibili dispositivi anticaduta fissi

Ovvero parapetti, linee vita permanenti, sistemi di ancoraggio puntuali, o reti.

Abbiamo già introdotto, in un altro articolo, questa tipologia di prodotto insieme ad altri sistemi temporanei. In questa occasione ci concentriamo invece su alcuni aspetti più tecnici e meno scontati.

La line vita temporanea è un prodotto economico, di semplice montaggio ed utilizzo e, viste le caratteristiche dei modelli più diffusi, utilizzabile in un’ampia gamma di casi. Molte linee vita temporanee sono infatti regolabili in lunghezza tramite un sistema a cricchetto e, con opportuni punti di rinvio, possono assecondare l’andamento della maggior parte dei supporti di installazione.

Un aspetto fondamentale che tuttavia viene spesso affrontato in forma superficiale è quello della connessione tra la linea vita e la struttura di supporto e della tenuta, in caso di caduta, della struttura stessa.

Se infatti la resistenza della linea vita temporanea è garantita da prove e dichiarazioni di conformità in base alla norma UNI EN 795, la certificazione non copre:

  • I fissaggi (barre filettate con resina chimica, fissaggi meccanici ecc..)
  • La resistenza del supporto di installazione

Come scegliere gli ancoraggi per una linea vita temporanea?

Gli ancoraggi di estremità da utilizzare con una linea temporanea possono essere scelti secondo le indicazioni dei diversi produttori e consistono solitamente in ancoraggi UNI EN 795 di Tipo A , con resistenza variabile a seconda delle caratteristiche delle singole linee vita temporanee e delle indicazioni dei produttori (la resistenza minima degli ancoraggi richiesta è, da quello che abbiamo riscontrato, superiore o uguale a 12 kN)

Molte linee vita temporanee in commercio prevedono inoltre la possibilità di fissaggio ad elementi facenti parte della stessa struttura, come profili metallici, colonne, ecc. valutando ovviamente l’assenza di elementi taglienti o con spigoli vivi e considerando come valori minimi di resistenza le indicazioni già date per gli ancoraggi di Tipo A e B  della UNI EN 795. Secondo la nostra esperienza si tratta di una soluzione che raramente si riesce ad attuare. Non è frequente, infatti, trovare elementi adatti nella posizione utile.

Tutti i manuali che abbiamo consultato prevedono inoltre la possibilità di collegare la linea vita temporanea agli ancoraggi fissati alla struttura tramite moschettoni (connettore UNI EN 362) che spesso vengono forniti in kit insieme alla linea.

Valutazione della struttura su cui si installa la linea vita temporanea e scelta dei sistemi di fissaggio

La valutazione della resistenza della struttura in caso di un evento caduta e la scelta del fissaggio (tassello meccanico, barra con resina chimica, ecc.) è invece materia di una specifica relazione che deve essere predisposta da un tecnico abilitato.

In questa relazione devono essere correlate le caratteristiche della struttura di installazione, solitamente un muro, o una struttura in metallo, con i carichi che si sviluppano durante un eventuale caduta per essere certi che la struttura possa resistere alle forze generate in caso di un incidente. A seconda delle struttura il tecnico indicherà poi quale sistema di fissaggi sia opportuno utilizzare.

ancoraggio per linea vita temporanea

Puoi acquistare tutti i servizi e prodotti relativi alle linee vita temporanee su www.anticadutashop.it

  1. Relazione di calcolo della struttura ed indicazioni sui fissaggi – predisposta e firmata da un tecnico abilitato
  2. Ancoraggio UNI EN 795 da fissare alla struttura
  3. Linea vita temporanea completa di connettori
Share Button