linea vita differenza classe A1 e A2

Linea vita differenza classe A1 A2

La differenza tra gli ancoraggi A1 e A2 secondo la norma 795 rappresenta una delle chiavi di ricerca più utilizzate per arrivare sulle pagine di questo sito. Non avendo ancora affrontato l’argomento mi sembra opportuno fornire alcune informazioni.

Innanzitutto tutti i dispositivi di ancoraggio identificati con la lettera A  sono di tipo puntuale, ovvero ancoraggi utilizzabili singolarmente e non sono componenti di un sistema di ancoraggi lineari. Indicarli quindi come “linea vita” è improprio.

Un sistema di ancoraggi lineare (comunemente indicato come linea vita) è infatti un sistema su cui sia previsto lo scorrimento di un connettore su un cavo o su un binario rigido.

La vecchia edizione della norma UNI EN 795: 2002 prevedeva

  • Ancoraggi in classe A1, progettati per essere fissati a superfici verticali, orizzontali ed inclinate (dispositivi di angoraggio conformati spesso a golfare o ad anello)
  • Ancoraggi in classe A2 progettati per essere fissati a tetti inclinati (tipicamente ganci sottocoppo o sottotegola, spesso progettati per trattenere il carico generato da un’eventuale caduta secondo una specifica direzione, quella della pendenza della falda)

Nella versione in vigore della norma UNI EN 795 (del 2012)  non esiste più la distinzione tra dispositivi di ancoraggio A1 e A2…

L’edizione corrente della norma tecnica di riferimento, UNI EN 795 del 2012 ha introdotto al posto del termine  “Classe”, per identificare le diverse categorie di ancoraggi , la parola “Tipo”, sparisce inoltre la distinzione tra ancoraggi A1 e A2.

Gli ancoraggi di Tipo A UNI EN 795 sono semplicemente dispositivi di ancoraggio puntuali dotati di uno o più punti fissi per alloggiare il connettore (per intendersi, il moschettone) senza che sia previsto uno scorrimento di quest’ultimo.

Il produttore deve indicare nella documentazione associata al prodotto (schede tecniche, manuale di installazione ed uso…) le condizioni di utilizzo del prodotto, dovendo quindi specificare, tra l’altro, l’eventualità che un ancoraggio sia idoneo a funzionare solo su determinati supporti o solo con l’applicazione di carichi orientati secondo una specifica direzione.

Per aggiungere ulteriori elementi all’argomento ricordo che esiste attualmente un’altra norma tecnica, esclusivamente italiana, che descrive i dispositivi di ancoraggio destinati all’installazione permanente: la UNI 11578 del 2015.

Esistono quindi dispositivi di ancoraggio di Tipo A UNI EN 795: 2012 mono-utente  destinati ad essere rimossi dalla struttura e dispositivi di ancoraggio di Tipo A UNI  11578: 2015 mono o multi-utente destinati all’installazione permanente.

Share Button

Posted in Ancoraggi e linee vita and tagged , , , .